MODA ETICA: COS’È E PERCHÉ NON POSSIAMO IGNORARLA

August 06, 2020

ETHICAL FASHION: WHAT IT IS AND WHY WE CAN'T IGNORE IT

Moda etica, moda sostenibile, moda slow: sono parole molto simili che raccontano un nuovo modo di pensare ai nostri vestiti e all’impatto che la moda ha sul mondo. Terminologie sempre più utilizzate non solo dagli addetti ai lavori, perché mentre può sembrare peculiare descrivere la moda come una questione sociale, i dati relativi all’impatto ambientale e umano di questa industria sono più che sufficienti a qualificarla in tale modo.

Oggi cerchiamo di chiarire che cos’è la moda etica e perché è importante scegliere brand etici.

Moda etica: una questione umana e ambientale

L’enciclopedia Treccani definisce la moda etica come un “settore del sistema moda che si propone di dare impulso allo sviluppo sociale e alla sostenibilità ambientale, nel rispetto dei diritti e delle condizioni di lavoro della manodopera impiegata”.

L’elemento che più caratterizza l’impresa di moda etica è la trasparenza.

Sì, perché solamente attraverso una filiera produttiva trasparente è possibile monitorare che non vi siano abusi umani ed ambientali. Ed ecco che i capi di abbigliamento realizzati in modo etico hanno, per loro stessa natura, dei costi più elevati rispetto ai prodotti del fast fashion. Un capo di abbigliamento realizzato da un lavoratore che riceve un salario adeguato alle sue competenze, che lavora in condizioni di sicurezza, con un contratto di lavoro presso un’impresa che osserva le normative ambientali e che preserva l’ecosistema, ha dei costi vivi da mantenere che non possono essere abbattuti.

Garantire un basso prezzo significa spesso sottopagare chi lo produce, ma non solo. Perché oltre che umano, il problema è anche ambientale. I vestiti di bassa qualità vengono sostituiti più rapidamente, creando un effetto usa e getta con il risultato che il prezzo di questi indumenti non riflette il loro vero costo perché non tiene conto della carbon print che somma vari aspetti: più produzione, più trasporti e più discariche.

Per non parlare dei tessuti utilizzati! Quasi tutti di derivazione petrolifera (che impiegano centinaia di anni prima di essere smaltiti), ma anche tessuti naturali, che vengono coltivati attraverso metodi industrializzati che consentono di produrre in modo rapido ed economico in grandi quantità utilizzando un elevato numero di fertilizzanti e pesticidi, che neanche a dirlo, sono estremamente dannosi per la terra, per l’uomo e per gli animali.

Ma veniamo ad oggi. Ci siamo interrogati molto nell’ultimo periodo sui cambiamenti che la pandemia potrebbe provocare nel mondo della moda e oggi, l’industria della moda dovrebbe approfittare di questo momento e del sentire comune per dimostrare di avere una leadership costruttiva nell’economia globale. La consapevolezza che la moda è il secondo inquinatore dopo il petrolio è diffusa. E una gran fetta dei consumatori sembra pronta a fare acquisti in modo più sostenibile. La moda etica mira a risolvere i problemi in cui l’industria della moda opera attualmente, come lo sfruttamento del lavoro, i danni ambientali, l’uso di sostanze chimiche pericolose, i rifiuti e la crudeltà verso gli animali.

Regenesi: un brand di moda etica

Regenesi, che da anni crede che questo sia l’unico futuro possibile per il settore della modanel mondo, è nata con l’ambizioso obiettivo di trasformare i rifiuti in bellezza, scegliendo di dare una seconda vita a tutti quei materiali altrimenti destinati allo smaltimento. Ecco i principali:

  • Pelle rigenerata, realizzata solamente con materie prime naturali e ricrescenti: scarti di vera pelle altrimenti destinati allo smaltimento vengono conciati con sostanze vegetali, lattice naturale estratto da piante di caucciù, acqua, grassi naturali, agenti coloranti naturali e sali. I punti di forza della pelle rigenerata che usiamo è la garanzia di durata nel tempo, resistenza del colore e levigatezza della superficie.
  • Plastica riciclata e riciclabile, senza additivi o resine, prodotta usando una quantità di energia compresa tra il 50% e il 70% di quella che richiederebbe il materiale vergine e derivante da bottiglie, bottoni, scocche di frigoriferi, bicchierini e occhiali.
  • Carta e cartoncino riciclati di alta qualità, completamente biodegradabile e riciclabile. Questi materiali sono composti per il 40% di fibra FSC post-consumo disinchiostrata, per il 55% di pura cellulosa ecologica FSC e per il 5% di fibra di cotone.
  • Alluminio riciclato grazie al recupero di lattine, risparmiando circa il 95% di energia rispetto al materiale vergine grazie a uno speciale ciclo di lavorazione ad alta tecnologia. In questo modo si crea un materiale di grande pregio estetico, ricco di una texture di venature uniche, tutte differenti l’una dall’altra.

I nostri prodotti sono il frutto di un design innovativo e dotati di una forte identità creativa, che nel minimalismo trova la sua forma di espressione più pura. Designer di fama internazionale hanno lavorato i materiali rigenerati per conferire al prodotto un’allure senza tempo né stagione, dedicati alla donna e all’uomo che amano distinguersi e che sono attenti a ciò che indossano.

Sono molti i riconoscimenti che ci hanno visti protagonisti negli anni, ultimi in termini di tempo sono il premio ITWIIN 2019 (Italian women innovators and inventors network) nella categoria Capacity Building, il premio Best Performer dell’economia circolare 2019 nella categoria PMI Manifatturiere e il premio Er-si innovatori responsabili del 2017.

Creiamo prodotti sostenibili

Tutti i prodotti della grande famiglia Regenesi sono stati pensati e realizzati in maniera etica. Da Fruit Bag che rigenera la pelle conciata e la concia con sostanze vegetali con il risultato di avere un prodotto del tutto naturale, atossico, flessibile e resistente. O, per rimanere nell’ambito del fashion, la collezione di accessori Re-circle, creati a partire da un materiale plastico rigenerato e rigenerabile proveniente principalmente da bottoni, maniglie, occhiali e oggetti catarifrangenti di post consumo.

La nostra sfida, e la nostra passione, è trasformare questi materiali in qualcosa di bello che non pesi sull’uomo e sul pianeta. Ogni prodotto è creato in Italia, da artigiani esperti che portano avanti l’importante lavorazione manifatturiera italiana e che, insieme a noi, hanno colto la sfida di lavorare con questi nuovi materiali post consumo.

Ti è piaciuto questo articolo e vorresti ricevere tutte le nostre novità e restare sempre informato sul tema della moda etica grazie alle nostre pillole di economia circolare? Benvenuto! Ti puoi iscrivere qui.

Entra nel club Regenesi

Entra a fare parte del club Regenesi per conoscere in anteprima le nuove collezioni e avere promozioni, news e sconti esclusivi.

Vai